Alessandra Meterangelis 45 min. 360 min.

Non c’è niente di più bello del preparare qualcosa di buono con le proprie mani.
Se poi si parla di marmellata potete capirmi benissimo. Da quando  mi sono cimentata con quella ai fichi devo dirvi la verità che ci ho preso davvero gusto. Così alla richiesta della mia dolce vicina di casa Angela di aiutarla a cogliere le pesche settembrine del suo albero, cresciute a sole, aria e pioggia, non mi sono di certo rifiutata, anzi abbiamo deciso, visto la quantità assurda dei frutti colti, di preparare insieme una buonissima marmellata.
Con la quantità di pesche che abbiamo raccolto siamo riuscite a fare più di 15 vasetti neanche troppo piccoli. Sono soddisfazioni. Anche se la marmellata richiede tanto impegno e tanto tempo (come tutte le cose buone) ne è valsa la pena. Io vi darò la ricetta per circa 3/4 vasetti.
Ecco la ricetta di Angela, la mia vicina.

INGREDIENTI:

2 Kg di pesche
400 gr di zucchero
mezzo bicchiere d’acqua
un pizzico di sale
un bicchierino di Anisetta Meletti

 

pesca

Cominciate a sbucciare le pesche e a tagliarle a pezzettini.

IMG_1451
Prendete un bel pentolone capiente e versateci dentro le pesche con il mezzo bicchiere d’acqua e il pizzico di sale. Accendete il fuoco a fiamma bassa. Quando vedete che le pesche cominciano a disfarsi aggiungete lo zucchero. Mescolate sempre di tanto in tanto.

IMG_1455

Verso metà cottura aggiungete anche il bicchierino di Anisetta Meletti. Per chi non lo conoscesse è un liquore famoso prodotto proprio ad Ascoli Piceno a base di anice. Darà alla marmellata un tocco in più.
Dopo circa 5/6 ore la vostra marmellata sarà pronta. Nel frattempo io ho pulito l’intera casa 😉
A questo punto potete invasettarla ancora bollente per poi far bollire i vasetti per sterilizzarli per almeno 20 minuti. Sarà perfetta da mangiare sia su una bella fetta di pane che come ripieno per una crostata.
E capirete che non averla comprata al supermercato sarà stata la scelta giusta.

IMG_1478